News

La Commissione regionale sullo Statuto si riunisce dopo l’Assemblea Nazionale

By 8 Febbraio 2019 No Comments

La Commissione regionale art. 18, Statuto e norme regolamentari si è riunita due volte, giorno 17 e giorno 28 gennaio per discutere sulle linee operative da adottare in vista delle Assemblee Comunali e Provinciali. In particolare la sede regionale ha consegnato a tutti i presenti una copia dello statuto in cui sono stati messi in evidenza gli adeguamenti richiesti dal D.Lgs. 117/2017. E’ stato chiarito che le sedi comunali devono prendere atto dello Statuto della sede Nazionale approvato in occasione dell’Assemblea del 12 gennaio 2019 ed approvare le bozze degli Statuti provinciali e regionale.

Le assemblee comunali sono da considerarsi straordinarie, nonostante ciò è possibile deliberare con quorum ordinari in seconda convocazione superando, dunque, l’impasse della maggioranza qualificata. La straordinarietà della convocazione è dovuta all’inserimento, oltre agli adeguamenti, di modifiche statutarie facoltative. Le modifiche riguardano l’obbligo di invitare i revisori, e questi a partecipare, a tutte le riunioni formali: Assemblea, Comitato esecutivo e Consiglio direttivo e tale obbligo deriva dall’avere aggiunto alle loro funzioni anche quella di controllo. Altra modifica è quella che riguarda la devoluzione del patrimonio in caso di fusione, trasformazione o scioglimento.

Gli statuti, una volta raccolti e registrati dalla sede provinciale, andranno scansionati in un unico file per provincia da inviare alla sede regionale, così come richiesto dalla sede nazionale.

E’ stata ricordata l’esenzione dall’imposta di registro e chiarito che per le sedi che hanno approvato il proprio statuto con atto pubblico, devono approvare lo statuto adeguato con le stesse modalità, cioè in presenza del notaio. Tale procedura dovrà essere seguita anche per tutte le sedi in possesso della personalità giuridica dell’ente. Altre indicazioni sono state date in merito all’Organo di Controllo, ex art. 14 ed in merito alla pubblicazione del bilancio sociale.

aviscalabria

aviscalabria

AVIS (Associazione Volontari Italiani del Sangue) è un’associazione privata, senza scopo di lucro, che persegue un fine di interesse pubblico: garantire un’adeguata disponibilità di sangue e dei suoi emocomponenti a tutti i pazienti che ne abbiano necessità, attraverso la promozione del dono, la chiamata dei donatori e in alcuni casi anche la raccolta diretta di sangue, d’intesa con le strutture ospedaliere pubbliche. Fonda la sua attività sui principi della democrazia, della libera partecipazione sociale e sul volontariato, quale elemento centrale e insostituibile di solidarietà umana. Vi aderiscono tutti coloro che hanno intenzione di donare volontariamente, anonimamente, periodicamente e gratuitamente il proprio sangue, ma anche chi, non potendo compiere questo gesto perché non idoneo, desideri collaborare gratuitamente a tutte le attività di promozione e organizzazione.

Leave a Reply