News

Avis Calabria e Operazione Strade Sicure dell’Esercito Italiano

By 2 Settembre 2020 No Comments

Anche quest’anno Avis regionale ed Esercito Italiano sono stati protagonisti delle giornate di donazione sangue sul territorio calabrese dando vita ad un’iniziativa ricca di solidarietà e vicinanza verso tutta la regione in un periodo dell’anno molto particolare a causa del calo delle donazioni. La sensibilità con cui l’Esercito, attraverso i militari impiegati nell’Operazione “Strade Sicure”, e Avis Regionale hanno raccolto la sfida di rafforzare lo spirito di solidarietà verso il prossimo, ha consentito di mettere in campo una serie di iniziative per promuovere la donazione di sangue non solo per i militari, ma per l’intera collettività.

Iniziative di cui si è ampiamente raccontato nel corso della conferenza stampa tenuta nella giornata del 5 agosto, presso la sede comunale dell’Avis di Locri, a conclusione degli appuntamenti che hanno visto il personale impiegato per l’Operazione Strade Sicure, donare in modo massivo.

Per la perfetta riuscita della campagna di cinque giorni di raccolta sangue, fondamentale è stato il coordinamento tra le sedi dell’Esercito e i punti di raccolta Avis, operato della referente del progetto, professoressa Marina Leone, presidente dell’Avis Locri e reso possibile, soprattutto, grazie al sostegno dei presidenti comunali delle sedi AVIS ospitanti le donazioni.

Nella provincia di Reggio Calabria, infatti, la risposta è giunta immediata in particolar modo nelle sedi di Locri, Polistena e Gioia Tauro, nella sede comunale di Reggio Calabria attraverso la sua presidente Miriam Calipari e con il coinvolgimento dei militari impegnati nell’operazione “Strade Sicure” del Raggruppamento Calabria, con i quali si è realizzata una vera staffetta di solidarietà concretizzata con le donazioni a cavallo tra il mese di luglio ed agosto 2020. Non solo sicurezza sulle strade, dunque, ma con il loro gesto, i militari dell’Esercito Italiano, hanno lasciato sul nostro territorio, una terra che non è quella delle loro radici, un profondo segno di civiltà attraverso la donazione volontaria aiutando, contemporaneamente, ad affrontare la crisi relativa al calo delle donazioni nella pausa estiva che porta a vivere sempre uno stato di ansia e la conseguente necessità di recuperare unità di sangue.

La conferenza si è svolta alla presenza, del comandante del Raggruppamento Calabria, colonello Salvatore Russo e del tenente colonnello Angelo Rotunno comandante del Gruppo Tattico, su base 24° reggimento artiglieria terrestre “Peloritani” della Brigata Aosta di Messina, oltre che dei dirigenti avisini, Biagio Cutrì – in rappresentanza del Presidente Rocco Chiriano -, Nicola Ritorto e Carmelo Marzano per Avis Calabria, Vanna Micalizzi, Diego Geria e Fortunato Curinga per Avis Provinciale Reggio Calabria, la referente del progetto Maria Leone e il consiglio direttivo di Avis Locri.

Miriam Leone nel corso dell’incontro, ha espresso gratitudine verso gli uomini e le donne dell’Esercito Italiano rivolgendo il suo ringraziamento al Colonnello Salvatore Russo, per quanto dimostrato dai suoi militari, evidenziando il connubio esistente tra il servizio prestato e il concetto di solidarietà.

“Strade Sicure non ci lascia e l’augurio di poter ripetere con le Forze Armate l’esperienza garantisce quel binomio perfetto – conclude la presidente AVIS Provinciale Reggio Calabria, Vanna Micalizzi – che vede la legalità associata al “volontariato come giustizia” e, cioè, diritti uguali verso tutti, soprattutto verso i più deboli.

 

Valentina Cosco

 

LEGGI QUI GLI ARTICOLI DEDICATI

https://www.quicosenza.it/news/calabria/366474-esercito-e-avis-uniti-per-una-campagna-di-solidarieta

https://www.arcieretv.com/2020/08/strade-sicure-domani-locri-la.html

https://www.quicosenza.it/news/calabria/366474-esercito-e-avis-uniti-per-una-campagna-di-solidarieta

 

 

 

 

aviscalabria

aviscalabria

AVIS (Associazione Volontari Italiani del Sangue) è un’associazione privata, senza scopo di lucro, che persegue un fine di interesse pubblico: garantire un’adeguata disponibilità di sangue e dei suoi emocomponenti a tutti i pazienti che ne abbiano necessità, attraverso la promozione del dono, la chiamata dei donatori e in alcuni casi anche la raccolta diretta di sangue, d’intesa con le strutture ospedaliere pubbliche. Fonda la sua attività sui principi della democrazia, della libera partecipazione sociale e sul volontariato, quale elemento centrale e insostituibile di solidarietà umana. Vi aderiscono tutti coloro che hanno intenzione di donare volontariamente, anonimamente, periodicamente e gratuitamente il proprio sangue, ma anche chi, non potendo compiere questo gesto perché non idoneo, desideri collaborare gratuitamente a tutte le attività di promozione e organizzazione.

Leave a Reply