News

Nota di aggiornamento PrestO. Il contratto di prestazione occasionale e il contratto d’opera a confronto

By 18 Settembre 2017 No Comments

L’art. 54-bis del Dl. 24 aprile 2017, n. 50, convertito in L. n. 96 del 21 giugno 2017 ha reintrodotto nel nostro ordinamento il nuovo contratto di prestazione occasionale PrestO.
E’ necessario chiarire che il nuovo Istituto non ha in nessun modo duplicato la disciplina relativa al contratto d’opera. Andiamo a segnalarne le differenze.
Le definizioni:
Il Contratto di prestazione occasionale (CpO) è il contratto mediante il quale un utilizzatore acquisisce, con modalità semplificate, prestazioni di lavoro occasionali o saltuarie, gestito dalla piattaforma INPS (https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemDir=51099#).
Il Contratto d’opera, all’art. 2222 del codice civile, individua una persona che si obbliga a compiere verso un corrispettivo un’opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente.
Nello specifico le differenze si evincono dal fatto che il contratto d’opera ha l’autonomia quale caratteristica fondamentale, insieme all’obbligo del raggiungimento di uno specifico risultato, l’assunzione del rischio economico da parte del lavoratore e l’assenza di vincoli di orario. Tutte caratteristiche non riportate nel CpO.
Dal punto di vista fiscale le differenze sono altresì sostanziali: per il CpO non vi sono obblighi dichiarativi, il compenso percepito dal prestatore è esente da Irpef ed è deducibile dal reddito d’impresa o di lavoro autonomo; il Contratto d’opera è soggetto ad Irpef e il committente è tenuto a operare una ritenuta d’acconto del 20%, di conseguenza il percettore deve adempiere alla dichiarazione dei redditi ed il committente deve adempiere alla certificazione unica e del modello 770.
L’elemento comune ai due contratti, quindi, risulta essere sostanzialmente solo la natura saltuaria della prestazione.

Fonte: Fiscal Focus.

Gruppo di Studio Fondazione Sapientia per Avis Calabria – ONLUS

aviscalabria

aviscalabria

AVIS (Associazione Volontari Italiani del Sangue) è un’associazione privata, senza scopo di lucro, che persegue un fine di interesse pubblico: garantire un’adeguata disponibilità di sangue e dei suoi emocomponenti a tutti i pazienti che ne abbiano necessità, attraverso la promozione del dono, la chiamata dei donatori e in alcuni casi anche la raccolta diretta di sangue, d’intesa con le strutture ospedaliere pubbliche. Fonda la sua attività sui principi della democrazia, della libera partecipazione sociale e sul volontariato, quale elemento centrale e insostituibile di solidarietà umana. Vi aderiscono tutti coloro che hanno intenzione di donare volontariamente, anonimamente, periodicamente e gratuitamente il proprio sangue, ma anche chi, non potendo compiere questo gesto perché non idoneo, desideri collaborare gratuitamente a tutte le attività di promozione e organizzazione.

Leave a Reply