News

Settimana della Donazione nella caserma dei Bersaglieri “Luigi Settino” di Cosenza

By 14 Dicembre 2021 No Comments

Tre giorni di divulgazione e promozione del dono del sangue, all’interno della caserma dei Bersaglieri “Luigi Settino” di Cosenza.

L’evento è stato diretto dal consigliere provinciale Tommaso Orsimarsi che ha accolto gli interventi di diversi presidenti Comunali e donatori cosentini, dando spazio ai due importanti contributi del presidente provinciale Luigi D’Errico e del presidente regionale Franco Rizzuti.

Questi ultimi, infatti, hanno accolto favorevolmente l’invito della Fondazione Italiana “Leonardo Giambrone” per la guarigione dalla Thalassemia, partecipando attivamente all’evento, insieme al Prof. Francesco Zinno, primario del S.I.T. di Cosenza. Tale collaborazione ha reso proficua la raccolta programmata, all’interno della caserma “Settino”, di giorno 26 novembre 2021, con ben 41 unità di sangue intero. Numero che sarebbe stato ancora maggiore se alcuni militari, destinati ad una missione estera, non avessero nei giorni precedenti effettuato una serie di vaccinazioni che, su consiglio del medico, hanno suggerito  di far rinviare la donazione.

Nei loro interventi, i diversi relatori hanno esposto, ai potenziali donatori militari, le principali motivazioni al dono e l’importanza del loro gesto solidale, assolutamente anonimo e disinteressato, che risulta indispensabile per il funzionamento delle strutture sanitarie dell’intera regione Calabria.

In particolare, è stato posto l’accento sul fatto che la donazione del sangue, attraverso l’anamnesi iniziale e i successivi accertamenti diagnostici, consente di attuare una forma di medicina preventiva, altrimenti assente nelle abitudini della popolazione italiana.

Soddisfazione è stata espressa dai dirigenti avisini per la riuscitissima raccolta di giorno 26 novembre.

 

aviscalabria

aviscalabria

AVIS (Associazione Volontari Italiani del Sangue) è un’associazione privata, senza scopo di lucro, che persegue un fine di interesse pubblico: garantire un’adeguata disponibilità di sangue e dei suoi emocomponenti a tutti i pazienti che ne abbiano necessità, attraverso la promozione del dono, la chiamata dei donatori e in alcuni casi anche la raccolta diretta di sangue, d’intesa con le strutture ospedaliere pubbliche. Fonda la sua attività sui principi della democrazia, della libera partecipazione sociale e sul volontariato, quale elemento centrale e insostituibile di solidarietà umana. Vi aderiscono tutti coloro che hanno intenzione di donare volontariamente, anonimamente, periodicamente e gratuitamente il proprio sangue, ma anche chi, non potendo compiere questo gesto perché non idoneo, desideri collaborare gratuitamente a tutte le attività di promozione e organizzazione.

Leave a Reply