News

Nuove Tappe del progetto regionale dedicato al diabete

By 5 Agosto 2018 No Comments

Anche durante il mese di Agosto il progetto regionale dedicato alla sensibilizzazione per la prevenzione del diabete, elaborato da Avis Calabria con la collaborazione dell’Università Magna Graecia di Catanzaro, è andato avanti con due tappe nella provincia di Vibo Valentia. In particolare ad ospitare il progetto regionale sono state le sedi Avis comunale Capistrano, giorno 5 Agosto, ed Avis comunale San Calogero, giorno 19 Agosto.

Un’ulteriore iniziativa del progetto diabete del mese di Agosto è stata portata avanti dall’Avis comunale Nicotera che ha dedicato un appuntamento settimanale, di sabato, presso i locali della stessa sede, al fine di permettere ai donatori e potenziali tali di partecipare al progetto. Di seguito si riportano i dettagli.

Particolarmente indicato e consigliato:
• ai soggetti con un BMI maggiore di 25
• ai soggetti che hanno una storia familiare di diabete
• ai soggetti che non svolgono regolarmente attività fisica e che non mangiano frequentemente frutta e verdura
• agli ipertesi

Sarà somministrato un questionario findrisk (approvato dalla comunità scientifica) attraverso il quale sarà valutata la predisposizione a sviluppare il diabete mellito nei 10 anni successivi.
Una volta effettuato il calcolo del rischio, se necessario, si eseguirà la glicemia da digitopuntura e laddove questa rientrasse all’interno di un determinato range, si verrà invitati a recarsi presso l’unità di malattie del metabolismo e medicina interna di Germaneto dove potranno essere svolti gli approfondimenti necessari in modo del tutto gratuito.

aviscalabria

aviscalabria

AVIS (Associazione Volontari Italiani del Sangue) è un’associazione privata, senza scopo di lucro, che persegue un fine di interesse pubblico: garantire un’adeguata disponibilità di sangue e dei suoi emocomponenti a tutti i pazienti che ne abbiano necessità, attraverso la promozione del dono, la chiamata dei donatori e in alcuni casi anche la raccolta diretta di sangue, d’intesa con le strutture ospedaliere pubbliche. Fonda la sua attività sui principi della democrazia, della libera partecipazione sociale e sul volontariato, quale elemento centrale e insostituibile di solidarietà umana. Vi aderiscono tutti coloro che hanno intenzione di donare volontariamente, anonimamente, periodicamente e gratuitamente il proprio sangue, ma anche chi, non potendo compiere questo gesto perché non idoneo, desideri collaborare gratuitamente a tutte le attività di promozione e organizzazione.

Leave a Reply